Al lavoro fino alle 21.58

MA QUELLI CHE NON SI FANNO LE CANNE COSA FANNO APPENA STACCANO DAL LAVORO?

Annunci

Déjà vu

Dicembre si è appena fatto, siamo solo all’inizio della fine.
Solo Sant Ambroeus e l’Immacolata sono appena passati, ma ormai siamo nel pieno del periodo natalizio.
Tra chi è preso a fare i regali e chi chiede dove si passeranno le vacanze (ah già, io lavoro!), c’è chi già tira le somme dell’anno che sta per finire (cazzo, ma non siamo ancora a metà dicembre) e per questo mi è stata già fatta la domanda, com’è andato? Come descriveresti il tuo 2017 con una parola? Per fortuna non ho dovuto studiarmela la risposta, ce l’avevo già pronta. Quindi, per riassumere il mio anno in una sola parola io dico Déjà vu!
Proprio così. Proprio quel fenomeno psichico per cui fatti totalmente casuali provocano la sensazione di un’esperienza precedentemente vissuta, già vista.
Sembra assurdo, davvero. Non l’avrei mai detto, ma è sicuro che da luglio a oggi il mio 2017 sembra lo specchio del 2016. Fortunatamente alcune cose non sono esattamente le stesse ma per una serie di eventi la stessa storia si ripete.
Ne ho parlato con un amico pochi giorni fa, in preda all’ansia perchè mi sentivo più matta del solito. Ho elencato punto per punto tutte quelle cose che combaciano tra quest’anno e l’anno scorso. Grazie alla ragione non mi ci sono soffermata più di tanto per evitare di diventare pazza e scema completamente. Eppure, alcune date-eventi-persone combaciavano. Come se il destino e il caso stessero giocando con il mio presente e il mio passato. Proprio la casualità mi ha fatto vivere esperienze simili e speculari con quelle del 2016. La cosa mi ha messo paura perchè qua qualcosa sembra volermi dire qualcosa. Ci sono cose belle dell’anno scorso che porto nel cuore gelosamente, che mi tengono sveglia la notte con la speranza che accadono. Una di queste è già accaduta; il fato sembrava volesse presentarmela prima del previsto e invece, la data di inizio stage sul contratto recita: 12 dicembre 2017. La data di inizio sul contratto dello scorso anno, devo rivelarla? 12 dicembre 2016. Sembra quasi che mi venga data una seconda chance; tranquillamente sono qui a giocare questa partita con il mio destino.
C’è in ballo la cosa a cui tengo di più, che desidero di più, che aspetto da una vita!
Eppure ciò che mi manda in brodo di giuggiole è qualcosa di meno importante, ma che non riesco a levarmi dalla testa. Ciò che mi ha regalato un’illusione un anno fa, quest’anno la ritrovo simile, meno profonda per certi versi ma comunque vissuta e sentita. La paura è data dalla consapevolezza che, come una bambina ingenua, vorrei rivivermela nello stesso modo ma so che probabilmente in tutto questo déjà vu è l’unica cosa che dovrei realmente cambiare. Mi terrorizza, non vorrei rinunciarci eppure so che sarebbe sbagliato ricercare le stesse emozioni, gli stessi sentimenti che già allora erano illusioni.

Nonostante il déjà vu, avrei una lista di Prime volte da elencare. Uno di questi giorni le conto, non mi stupirei se fossero 17 cose (17 come il mio numero, come l’anno). Ma sembra un numero altino per aver così tante cose vissute per la prima volta nella vita. Però potrebbero essere sicuramente tante, se considerato che sono avvenute tutte in anno. Divertente.

Montagne russe di stati d’animo

Incrocio un collega tra i corridoi: “Ma tu come fai a essere sempre così sorridente? Qual’è il tuo segreto per avere sempre il sorriso?”La mia risposta è stata: “Non so, magari è come dice qualcuno… che sono un po’ stupida!”

Perchè rispondere: “sono nata sempre con il sorriso in faccia, ma in realtà dentro mi sento morire ogni giorno, non so neanche io come faccio a nasconderlo!” Era troppo lungo da spiegare.
Vabbè, lui ha risposto: “Meglio essere stupida così, se stupida ti si può definire, piuttosto che non sorridere mai!”

Alla Scala

La mattina presto, quando le prove in palcoscenico non sono ancora iniziate, il teatro è vuoto e la sala è completamente immersa nel buio. Le uniche luci accese sono quelle di servizio dei palchi e del lampadario al palco reale.

Entrare, percorrere i corridoi vuoti e ritrovarsi nel silenzio frastornante della platea della Scala è qualcosa di magico. E spaventoso. Nell’oscurità il velluto rosso delle poltrone sembra brillare e gli unici rumori provengono dal retro palco dove i macchinisti iniziano a prepararsi.

Il palcoscenico è ancora spoglio, ma pronto ad accogliere le scenografie dello spettacolo di prova o di scena.

Sedersi, godere di quella magia che si percepisce ancora prima di varcare la soglia in Via Filodrammatici 2.

Il fascino suggestivo dell’essenza dell’assenza. Percepire la paura del vuoto, buio. Quando manca qualcosa, qualcuno.

Buffo. No? Provare un’emozione cosí straniante a teatro vuoto, se paragonata all’eccitazione nel ritrovarsi circondati dal pubblico scaligero.

Rivivere con la mente la sensazione provata la prima volta che si è saliti sul palcoscenico del Piermarini e ricordare l’adrenalina nell’avere difronte un pubblico importante, ma senza avere paura. 

Una paura che nel vuoto oscuro e nel silenzio, invece, si fa sentire. Simile all’emozione, a tratti malinconica ma comunque bella, che si prova stando dalla parte del pubblico, guardando gli altri su quel palco. Sentire le gambe piegarsi, le mani sudate e il cuore che batte forte per la voglia di tornare là. Per non essere tra gli spettatori, ma là. Sul palcoscenico.

Manca tanto, ma neanche troppo. Senza accorgersene tornerà anche il mio momento. Torneró sul palcoscenico della Scala. E quando arriverà peró, ci sarà posto per vivere un’altra grande sfida, se non la stessa di sempre ma che, sta volta, non si conosce ancora ma che si prospetta la più difficile.

Alle 10 è ora di andare in ufficio. Primo piano, ufficio stampa-sovrintendenza-redazione web. È il momento di non pensare per un attimo che tutto potrebbe finire 

per non finire mai. 

title song not found

Quanto valgono le soddisfazioni se paragonate ai sacrifici fatti per raggiungerle?

Quanto vale la gioia se prima di provarla si è dovuti passare dentro il tunnel buio della tristezza?

Quanto vale la felicità se spesso lascia posto alla tristezza?

Cos’è una canzone se non si ha il coraggio di dedicarla a qualcuno?

Qui e qua ora

Volevo prendere e andarmene. Andare lontano per cercare quel qualcosa che mancava, per capire dove sarei andata a finire. Finchè ho trovato quel qualcosa di speciale e ho scoperto che non serve andare troppo lontano, volevo solo scappare e non sarebbe servito a nulla. Puó esserci tutto o niente, ovunque…

Giorno per giorno

Cosí si è conclusa la serata di ieri. Con questa frase. Mentre si sentiva ancora il profumo piccante delle fajitas messicane e il fumo della canna si mescolava al sapore del vino.

Tre parole che hanno avuto piú effetto di un’intera chiacchierata. Dette dalla persona giusta, l’amico giusto, nel modo giusto e al momento giusto. 

Tre parole da tenere a mente. L’unico modo per vivere i giorni che verranno senza farsi prendere dall’ansia.

A me va

Le cose vanno, si dice così, bene.
Lo si dice, figuriamoci, senza neanche sapere bene cosa significa.
A volte bene sembra la retta che deve intersecarsi con una circonferenza, pensa un pò te. Se no non lo è più. E’ proprio da quel cerchio che si finisce per credere che benenormale coincidano al centro.
A tutti i costi si cercano sempre dei punti in comune, come delle ancore di salvezza; corriamo ai ripari.
L’insufficienza, ovviamente perenne, in geometria analitica suggerisce che l’equazione fatta per trovare la retta sia sbagliata; lo dice anche il disegno.
Bene non interseca al centro con normale, nè tantomeno ha punti in comune alla circonferenza, non ci sta, è esterna; ha scelto un’altra strada.
Non c’è da giustificarsi però, se va bene, veramente.

stand-by

Basta cosí poco per rendermene conto.

Posso essere contenta, a volte soddisfatta e avere un’illusione di felicità.

Ma in realtà saró sempre triste…

Finchè non guarderó in faccia la realtà. La mia realtà, quella che conosco bene; di cui ne sono consapevole da troppo tempo.

Fino a quando non avró il coraggio di prendere una decisione, continueró cosí, a dividermi in due… Percorrendo due strade parallele, riempiendomi di impegni per non perdere niente; quando in realtà mi perdo troppe cose.

Con la paura che potrà essere peggio, che potró davvero conoscere la tristezza. Pur sapendo, infondo, che molto probabilmente, sicuramente, sarà meglio. Che finalmente potró stare bene, provare una reale e profonda soddisfazione.

Magari.

Moleskine di pelle rossa

Tra una riga e l’altra non vi è quasi piú spazio. I giorni della settimana, che fino a poco fa non avevano neanche piú un nome, riprendono ad avere una loro ricorrenza stabilita. Cosí anche ogni ora ha di nuovo il proprio ruolo e gli attacchi di fame iniziano nuovamente ad essere saziati da troppi caffè, che profumano solo di tabacco.

Il giorno si sposa con la notte, dando vita all’illusione di non perdersi nulla.

Una controllata di rito ai voli per il week end, senza sapere dove andare con chi andare o perchè andare ma conoscendo già quella solita sensazione di voler scappare nonsisadovesenzamotivo.

Sembra non essere mai abbastanza, ci dev’essere sempre qualcosa di piú.

Ma di quel di piú non si sa nulla, non si sa come rincorrerlo nè dove condurrà.

Non vorrei altra vita che la mia

È come se i pezzi di un puzzle fossero finalmente al loro giusto posto e stiano per formare un paesaggio bellissimo. Il paesaggio piú bello.

Dopo 23 anni in cui tutto sembrava andare nel verso sbagliato, finalmente qualcosa di bello sta accadendo anche a me. Io che ho sempre pensato di essere una sfigata. Mentre ora, per la prima volta, mi sento davvero protagonista della mia vita. Ho quasi paura di dirlo ad alta voce, anche se vorrei urlarlo al mondo.

Ma non una paura da film horror, al massimo un’ansia bellissima. Niente false speranze o previsioni sbagliate. Tutto sta accadendo veramente.

E io credo di essere pronta, lo sento. Sento di poter vivere fino in fondo tutto ció che mi aspetta, nel modo piú sereno possibile.

Sembra quasi che la felicità, infondo, esista.

Pizza con le patatine fritte

Trascinandosi….

Ci sarà mai un limite? Si crollerà mai veramente prima o poi? O si continuerà ad arrivare a fine giornata reggendosi a malapena in piedi? Ma ne varrà la pena o è uno spreco di energie a vuoto? Se non fosse cosí peró sarebbe una noia… Io che ho il problema di essere iperattiva! 

Vabbè, a casa mi aspetta la pizza per cena….. (Ora stimata di arrivo: 23.15)

Una rosa blu

Basta solo uscire dal guscio, iniziare a sbirciare fuori e accorgersi che si puó sempre trovare nuovi motivi per sorridere.

Buttarsi nella mischia, gettarsi tra le braccia del caos, accettare sguardi sconosciuti

e capire che non si è del tutto da buttare,

che ogni tanto basta una pacca sulla spalla da qualcuno che magari non è neanche nostro amico

e ci si rimette in carreggiata.

Oggi si lavora e poi si balla, 

ci sono i tedeschi, o dovrei dire il tedesco,

qualche sorriso di troppo 

e una rosa blu.

Oggi è davvero il giorno giusto per chiedermi come sto.

Ti direi che sto bene.

Domani peró, non lo so.