Non avevo tutta questa fretta di crescere

Mi sono persa negli occhi di un bambino, abbassando il volume della musica per ascoltare le sue risate che mi isolavano dal solito casino della metro.

Capita spesso, soprattutto quando sono triste senza motivo. Mi lascio intenerire da quella semplice dolcezza, in preda alla malinconia.

Senza motivo. Forse proprio per colpa di quella tristezza immotivata mi ritrovo in un bambino. In fondo, sono capricci.

Io dovrei però comportarmi da persona adulta.

Un pensiero, G.

È da tanto tempo che non so, ma io credo che ci sia qualcuno che è stato in grado di farmi credere nei sogni. In quei grandi desideri che sono lì per essere realizzati.

Credo in quella persona che mi ha fatto vedere cosa vuol dire vivere, per davvero. Mi ha mostrato che la mediocrità non è scritta nei nostri sogni, mi ha insegnato che per vivere davvero ci vuole amore.

L’amore per stare bene, verso ciò che si fa e chi si vuole essere. La voglia di spaccare tutto ciò che ci soffoca per uscire fuori ed esserci.

Perchè sono figlia di quell’amore, di chi con garbo e umiltà sa di essere capace di qualcosa di speciale. Per se stessi, per gli altri, per i proprio obiettivi.

Voglio essere io. È una promessa. Ce la farò

Forse starò bene

A volte succedono cose, così dal nulla.

In modo beffardo si fanno spazio dopo un periodo nero, in cui sembrava di aver perso le speranza e si correva il rischio di cadere nella tristezza.

Nel loro essere inaspettate, ovviamente, portano tante aspettative condite con tanta paura. Quella paura buona, però, di chi vuole farcela a tutti i costi.

Così non ci dormi la notte, ascolti canzoni, balli per strada mentre vai al lavoro, sorridi così nel nulla. E aspetti.

Conti le ore, i giorni. Aspetti con ansia quella data in cui qualcosa succederà. Potrebbe essere l’imprevisto che farà la svolta, oppure la realtà crudele senza sogni ti riporterà con i piedi per terra.

Io ci credo però. Cazzo se ci credo.

Repetita Iuvant

Non sono fatta per essere una delle tante.

E non lo sarò mai.

Non mi piace dire che scappo dopo essermi ritrovata casualmente sempre nelle situazioni sbagliate. Preferisco ammettere che mi dileguo piano piano, non appena mi rendo conto del rischio a cui vado incontro. Non importa se qualcuno lo prenderà come egoismo personale, a me piace pensarlo piú come un istinto di autoconservazione emotiva. Qualcuno ha detto che così correrei il rischio di sopravvivere, invece che vivere. Non è del tutto sbagliato ma neanche completamente vero. Si dovrebbe vivere ogni cosa nel migliore dei modi, in modo da sentirsi speciali. E da stare bene. Sempre.

Tengo il buono

Quando per tanto tempo hai avuto modo di scoprire cosa sia davvero la sofferenza, sai cosa significa sprofondare nella tristezza e con tutte le tue forze hai saputo stamparti un allegro sorriso sulle labbra allora puoi farcela.

Scopri che ciò che conta è tenere il buono, tirar fuori le cose belle e conservare solo queste.

Certo, come ogni rosa ha le sue spine, spesso capita di ricadere nella malinconia e in quello stato d’animo che ti fa vivere ciò che accade con tristezza.

Però, a ogni piccola delusione che le persone riescono ancora a darti o ai tentativi andati male o alla voglia di amore, sai come guardare te stessa a testa alta.

Ce l’ho fatta

È da un po’ di tempo che è tutto diverso. Erano gli ultimi giorni del vecchio anno quando le sensazioni sono cambiate per poi svanire, hanno lasciato posto a un sorriso fuori da te.

Fino a quel momento ero aggrappata, non volevo lasciar la presa, ero costantemente proiettata a quel pensiero e tu mi riportavi sempre a quel vicolo cieco. Fino al momento in cui non ho provato più niente. Ero venuta e aprendo gli occhi, ho realizzato nel momento di un orgasmo che c’ero solo io, lí con me stessa. Come lo era da tanto tempo, ma non l’avevo mai sentito così forte e chiaro.

Ho cancellato tutto. Incredibile. Custodivo, fino a poco tempo fa, ogni ricordo in modo maniacale. Ora non più.

È bellissimo ora. Sto bene.

Mi arrendo (non sono arrabbiata)

Non vorrei scrivere, perchè vorrei evitare di parlarne. Peró, vorrei poterci capire qualcosa.

Ci sono ragioni che non si possono tirar fuori dal nulla, magari non si fanno neanche trovare. Ciò che emerge chiaramente è un umore, condizionato da situazioni per cui ci si rimane male e che fastidiosamente insinuano rabbia e tristezza. Periodicamente, quasi da abituarsene. Ma farci l’abitudine pare sia impossibile. Ogni volta è una sensazione che ci schiaccia e non sappiamo gestire.

Arrabbiarsi è ormai inutile, non sono capace ed è una conseguenza stupida.

Stupido lo è anche il mio rimanerci male periodicamente, ma sembra inevitabile. Prendiamola così come viene allora, farò finta di nulla che ormai non ho più niente da rimproverare e non confermerò neanche la mia stranezza. Non voglio dire che non ci ho mai provato a spiegarmi, ma inutilmente non portava a miglioramenti.

Mi sono rotta il cazzo e sto nel mio. Tanto poi passa.

A me il the caldo non piace

Sono uscita per prendere un caffè con uno. Anche se poi ho preso un the caldo. Che poi a me il the caldo non piace.

Sono una sabotatrice di appuntamenti sbagliati.

In realtà, ho accettato l’invito per noia, uscendo di casa già senza interesse. Ecco che, per la legge del contrappasso, mi sono ritrovata a guardare l’orologio, a pensare alla mia voglia di kebab per cena, parlando come se fossi a un colloquio di lavoro, ascoltando storie che non mi interessavano, pensando ai miei sogni e a quel ragazzo che mi piace, che non mi scrive da una settimana, ma che mi deve ancora un’uscita.

Altrove

Avete presente quando vi ritrovate al bivio di una strada chiusa, fareste inversione e cambiereste direzione ma il navigatore sembra non volersi dar pace e vi porterebbe sempre su quella via?

Chissà cosa c’è poi su quella strada, se davvero fosse percorribile. Ma è chiusa, quindi perché continuare a inciampare su quella via ogni volta che si prende una nuova direzione?

Ci sono volte in cui cambiamo percorso, preferiremmo addirittura smarrirci per ritrovarci, o semplicemente prendere un’altra strada, ma per qualche motivo ci ritroviamo a quel bivio come se qualcuno ci stesse costringendo a incontrarlo di nuovo, ogni volta. E ogni volta che usciamo da quel tracciato, sembra andarci male, come se non ci meritassimo un’alternativa e la meta comunque non la troviamo, che per noi diventa quindi irraggiungibile.

Dovremmo imparare a volare.

Perplessa mente

Ma che siamo seri?

Così per dire, è ovviamente ironico. Per fortuna si riesce ancora a riderci su grazie a tre amici e un bicchiere di vino (prima e dopo altri bicchieri alcolici, ovviamente).

Non sempre, ma a volte capita. Riteniamo che ci sia ancora del salvabile da salvare. Già.

Bè era meglio quando si pensava male fin dall’inizio.

Che a pensare bene e poi pensare male è faticoso!

Sono uscita (pensieri sospesi)

Sgattaiolando fuori dalla mia copertina di Linus, sbirciando il cielo blu della sera, mi sono messa lo smalto e una gonna di pelle. Mi sono dimenticata tutte le scuse e la voglia di rintanarmi, per ricordarmi di lasciare a casa solo i pensieri che poi a proteggermi ci avrebbe pensato il mio maglione. Una corazza da cui mi sono spogliata poco dopo, rimpiazzata dal whiskey per rimanere in balia, sospesa su un paio di labbra.

Ci vuole poco, magari non così poco, ma è una virgola, una scappatoia, fra me e la malinconia.

Messaafuoco

C’è sempre un’alternativa.

Ma può esserci un’alternativa

a una persona?

Siamo onesti, qual’è la nostra verità? Cos’è che ci tiene lì, che non ci fa cambiare prospettiva e sembra non esistere altro desiderio per noi?

Non riusciamo a guardare nessuno negli occhi senza la fervida convinzione che, dannazione, non sia la stessa persona. Non è la stessa cosa.

Non riusciamo a tenere una conversazione senza pensare, che cavolo, quella persona direbbe esattamente il contrario.

E cosa succede poi quando quella persona è, in realtà, distante? Quando c’è così tanto spazio fra di voi, che siete passati dall’essere tutto a non parlare neanche più la stessa lingua? Dov’è finito il suo interesse, che diavolo è successo a quella lusingante intesa? Cosa succede quando anche i suoi occhi su di voi sono diversi?

Succede che fate il miglior sesso di sempre, che ti prende per la gola e ti lascia una scarica elettrica.

Oppure, era solo il nostro addio.

Stanotte ti ho sognato

Ci sono periodi in cui non sogniamo, o meglio non ne abbiamo ricordo, come se non ne avessimo. Di sogni.

Fino a quando, un mattino ti svegli con un sorriso e il ricordo di qualcosa di bello. Finalmente la notte ha portato con se un sogno, e fortunatamente è pure bello.

La dolcezza di un bel pensiero ti culla al risveglio, non è reale ma ti scalda il cuore.

Un solo sogno può far riaffiorare la bellezza di una persona, che lascia un velo di gentilezza e un’allegra malinconia con una sorpresa consapevolezza di non essersene dimenticata.

Nonostante la lontananza, l’oceano Atlantico e gli abbracci sospesi trattenendo il respiro.

Vigilia numero 26

La tristezza non è solo triste, è anche subdola. Trasforma il nostro stato d’animo, cancella la luce nei nostri occhi, si insidia fra noi e i nostri momenti facendoli apparire belli sotto mentite spoglie, di una felicità illusoria.

Barattiamo un pandoro con quell’allegra illusione d’amore, un panettone con l’idea immaginaria di felicità data da due corpi che si uniscono.

Fino a quando, stanchi di essere cullati da una malinconica dolcezza, non diciamo basta.

Rimaniamo così, nudi e cotti sotto una nebbia di tristezza.

Ma senza più illusioni.

The Cure – Close to me

Non ho più niente da rimproverarmi. Neanche questa triste allegria che mi accompagna in questi giorni.

Non incolpo neanche più i miei pensieri che spesso fanno a gara per procurarmi inciampi emotivi.

Non ho neanche più voglia di recriminarmi il fatto di essermela andata a cercare io, la malinconia.

Non nascondo neanche più a me stessa che sono come un gatto che si morde la coda, ne sono consapevole.

Non voglio neanche smettere di credere che riuscirò a trovare il coraggio per farcela.

Voglio smettere soltanto di credere alle mie bugie, a quell’ansia da prestazione che mi porta a reprimere la mia sensibilità.

Voglio arrivare al punto. Voglio esserne convita di sapercela fare.

C’era una volta la mia storia

Ogni tanto mi piace stare ai margini a osservare.

Mi piace intromettermi con la fantasia tra i gesti e le parole degli altri. Che posso solo immaginare. Creo storie, d’amicizia d’amore o di screzi.

Creo una storia tutta mia, quella che più mi piace al momento. Non è mai la mia, ma sono mie, e possono sembrare rassicuranti.

Così non posso mai sentirmi del tutto sola.

Vedo un bacio, una carezza, delle risate e sento un pó di quel calore che manca. L’assenza di una mancanza.

Forse l’amore

Incastrati fra i propri sogni e le proprie fantasie, a fare a pugni contro la realtà e i conti sotto gli occhi dei saggi.

Smarrendosi, sempre fuori luogo, inadatti e incomprensibili.

Compresi solo in parte dall’illusione di un complice, forse uno sconosciuto. Sempre senza sicurezza, senza la chiara concretezza. Solo un abbraccio che profuma d’amore.

Perchè l’amore non si sa spiegare, è stato banalizzato troppe volte e a loro non puoi neanche spiegarlo. Eppure, paradossalmente, ogni tanto, sembra che ci sia amore nei posti più disparati, fra i gesti meno sospetti e gli occhi di una persona inattesa.

Forse c’è amore, ma non sarà di certo la certezza di altri.