Coniugati Passeggiare (Ogni tanto ti penso spesso) – Dente ðŸŽ¶ðŸŒ¹â¤ï¸

Non posso dire di non averci provato.

Ci ho provato con tutta me stessa,

ho cercato davvero di tirar fuori il meglio di me per affidarlo a te, come se fosse il piú bel regalo che potessi farti.

Ho lottato contro il mio orgoglio, contro la mia razionalità ma anche contro il mio istinto.

Tutto dentro di me faceva a pugni per portarmi su un’altra strada. Ma sono sempre rimasta aggrappata a una piccola parte che non cedeva all’evidenza.

Imperterrita ti sono corsa dietro, inventandomi qualsiasi cosa pur di attirare la tua attenzione.

E tu rimanevi impassibile, neanche un minimo di considerazione in piú da parte tua… Eppure io non pretendevo la luna, solo il tuo sorriso.

Saró io che forse non ho quel meglio da offrirti, che non è abbastanza per guarire la tua solitudine.

Ho cercato in tutti i modi di capire come dovrei essere.

Fino a quando ho deciso di smetterla, come in un circolo di disintossicazione ho ripetuto a grande voce che mi stavo liberando. E lo dico a tutti, lo dico con convinzione anche a me stessa.

I fatti parlano chiaro, c’è un muro e io posso solo tirarci testate contro che tanto tu non l’abbaterai mai.

Ne sono consapevole e mi sento libera…

Cazzata! Tu ci sei ancora, lo sento nella mia parte piú profonda…. Mi convinceró ogni giorno che non è cosí, ma Ancora Tu è uno slogan indelebile.

E ti cerco nel sorriso degli altri, che non sorridono mai come Te (freddo alla pesca).