VENTIQUATTRO (17)

Non è capodanno, eppure è passato un altro anno.
Non riesco a fare i conti con troppe cose, solo alcuni paragoni. Magari non dovrei, ma escono così, a distanza di un anno.

Quest’anno in più che fa la differenza, di non spegnere le candeline insieme a mia sorella gemella. Non era mai successo in tutto questo tempo di vita insieme.
Non c’è altro modo per rendersi conto che siamo diventate grandi. Già. E’ il primo grande paragone tra oggi e l’oggi di un anno fa. O di vent’anni fa.

Ce lo godiamo anche così, tra candeline virtuali e sorrisi lontani ma più vicini di quel che sembra. Auguri in lingue diverse, circondate da amici diversi, avvolte in panorami diversi.

Circondata dall’Amico con la A maiuscola, pronto ad abbracciarmi ancora prima che io mi rendessi conto che fosse scoccato quel +1. Non chiedevo altro per essere contenta e lui lo sapeva. Un bacio a stampo come i bambini che poi scoppiano a ridere, e una luna grande grande che illuminava la notte. Tante risate, e ti voglio bene sinceri.

Compiere gli anni ed essere contenta, ecco la grande differenza. Lasciarsi alle spalle sfighe e momenti difficili.

Va bene. Grazie.

Annunci