Io non sono qui

Spesso ci si fa scivolare le cose addosso con troppa leggerezza,
senza capire che potrebbe voler dire perdere di nuovo.

E’ così; non si fa nulla, si rimane immobili convincendosi di non avere possibilità di agire: diventiamo ogni volta spettatori di un quadretto, perdendo l’occasione di vivere. Perdendo.

Non si sa se è per paura, ma si cerca sempre di rimanere al riparo. Cercando di proteggere la propria libertà, tenendo al sicuro la propria incolumità, ci si costruisce la gabbia con le proprie stesse mani. Finendo prigionieri di se stessi.

Impassibili, intrappolati dentro quel solito cubo di ghiaccio surgelato che non si sa ancora se si scioglierà…
e se un giorno si scioglierà non si sa se si sopravvivrà, se si tornerà a respirare o se, invece, si capirà di non poter vivere senza di esso.

Perdo io, sempre.
Ignorando quello che potrei o vorrei provare.
Infondo, ci rimango male, sempre.

 

“Regole per vivere alla macchia:
2. attenzione all’amore e all’entusiasmo, sono temporanei e facili a fluttuare;
3. quando ti chiedono se ti importa dei problemi del mondo guarda profondamente negli occhi chi te lo chiede: non te lo chiederà di nuovo;
4. e 5. E se ti viene detto di guardare te stesso… non guardare mai;
6. mai fare o dire qualcosa che la persona davanti a te non può capire”

 

Annunci