Palmieri

Fin da piccola ho sempre ascoltato tante storie sulla mia famiglia. Sarà che è molto numerosa per cui ogni persona porta con se storie e aneddoti diversi; ma ad ogni rimpatriata familiare saltano fuori sempre nuovi racconti.

Ho sempre percepito da parte dei miei zii o cugini, piú sentito da alcuni e molto meno da altri ma comunque evidente, un attaccamento al proprio cognome, per me quasi sempre incomprensibile; talvolta anche inconcepibile. 

Non sono mai state molto frequenti le occasioni per ritrovarsi con i parenti e negli anni sono sempre piú rare. Ma ogni volta si crea una situazione per cui ognuno si sente appartenere ad un’unica grande genealogia e ci si riconosce nel proprio cognome. Gli aneddoti raccontati dagli zii poi arricchiscono ogni volta la storia della famiglia, come a voler sottolinearne una certa bizzarra importanza.

Per me è sempre stata una cosa particolare, ho sempre provato dei sentimenti strani ogni volta che mi trovavo in mezzo a quella famiglia e quando poi tornavo nel mio mondo. Ho sempre avuto l’impressione che tutti volessero sentirsi importanti, unici e rari, attraverso il nome della propria famiglia. Io facevo e faccio tutt’ora fatica a spiegare cosa percepivo e cosa provo durante quei sporadici incontri con i miei parenti; non concepiró mai come tutto il passato possa valorizzare cosí tanto il presente se è talmente remoto che non mi tocca cosí poi da vicino.

Probabilmente avrei dovuto vivere a Rho per farmi conoscere da tutti, ma credetemi che preferisco essere una persona anonima e in incognito, vivendo senza il bisogno di farmi riconoscere o di sentirsi superiori.

Annunci