Metafore in dubbio

È come quando ti lavi i denti nel tentativo di far sparire il sapore di ció che non avresti dovuto mangiare perchè ti fa ingrassare, quasi per convincerti di non aver mangiato.

Come quando bevi litri d’acqua sperando di eliminare la quantità di alcol che hai bevuto nelle ultime ore.

Come quando scrivi e scrivi e scrivi su tutto ció di cui vorresti avere un’opinione ma, dannazione, non ce l’hai. E vorresti che qualcuno fosse interessato ad ascoltare ció che hai da dire, ma in realtà non c’è nessuno.

È come quando dici di odiare gli auguri di Natale o di buon anno, perchè alla fine l’inizio di un nuovo anno è solo una cazzata. In fondo non cambia niente. Peró quando quelle due o tre personcine non si degnano di farti gli auguri, allora ci rimani male e diventa la cosa piú importante del mondo. Quasi decisiva per tagliare fuori certe persone dalla tua vita.

È come quando ti lavi la faccia e la sensazione dell’acqua fresca sembra far sí che ti si schiariscano le idee o che comunque ti lavi via tutti i pensieri. Perchè vuoi smettere di pensare. Eri lì che ti guardavi allo specchio e pensavi, prima di dirti di smetterla. Di fermarti. Basta pensare. E allora lavarsi la faccia ti sembrava il gesto che ti avrebbe fatto smettere, di pensare.

Annunci