Delay – JMSN

Questa cosa del sentirmi strana non l’ho ancora capita.

Non è uno di quei periodi in cui il mondo mi crolla addosso, in cui tutto va nel verso sbagliato o in cui sono triste da far schifo. (dai, la fase adolescenziale-ormonale la sto dimenticando)

È il periodo del non capisco piú niente. (preciso, non capisco più me stessa)

Sono la persona con cui sono costretta a dover passare il resto della mia vita, e guarda caso non mi vado neanche molto a genio, e ultimamente la situazione tra me e me è peggiorata drasticamente. 

Non riesco piú a ritrovarmi, come se mi fossi persa da qualche parte.

Sono assente, spesso vivo attimi in cui mi capita di isolarmi dal resto e restare in balia, sospesa per aria a guardare il tempo che si porta via i minuti.

In un solo giorno riesco a litigare con tutti quelli che cercano di rivolgermi la parola mentre mi vivo uno dei miei momenti apnea-isolamento. 

Che poi salcazzo cosa penso in quei momenti, chissà in che parte dell’emisfero mi trovo con la testa…….. 

L’altro giorno riuscivano ad infastidirmi anche i messaggi sul cellulare; non avevo voglia di sentire nessuno, e quelli insistevano a voler intrattenere una conversazione.

Tra l’altro è un controsenso, mi sto chiudendo sempre di più in me stessa perdendomi a volte nei miei film mentali, ma allo stesso tempo io stessa non mi ritrovo piú.

Mi sono lasciata da sola.

Ma voglio ritrovarmi e ricompormi ad ogni costo, non ce la faccio piú ad essere l’isterica incazzata che non sa cos’ha.

Immagino cose, faccio viaggi, penso a come dovrebbe essere, con chi vorrei essere, dove vorrei essere

ma non so se il come dovrebbe andare mi renderebbe davvero piú felice.

Mi ritroveró.

Vado a studiare. Oggi devo. Non scappo. 

Annunci