Playing it cool (e Chris Evans è un figo)

Stavo per scrivere la solita patafiacca incominciando con la parola Amore……. 

Ho pestato la testa contro lo spigolo della mensola,

non c’è neanche piú bisogno che tiri le testate contro il muro. Ormai vengono da se le capocciate.

Finisco la sigaretta e me ne vado a letto.

Giusto così, alla fine cosa avrei potuto scrivere oltre al fatto che ho appena visto una bellissima commedia d’amore (guarda caso infatti l’ho guardata in inglese sottotitolata, of course, perchè non l’hanno ancora doppiata e in italia non è ancora uscito dopo un anno), e che mi è piaciuto un sacco questo film -il cui titolo è scritto come titolo-! 

Bellissima…. Oddio, forse perchè l’attore è bellissimo e l’attrice è bellissima? 

Boh, peró parlavano di scossa……….

Sí, quella che ho preso io staccando la presa del portatile dalla presa della corrente.

Sto farneticando, ho puntato la sveglia, la sigaretta è finita.

Vado a letto.

Cazzo, devo ancora lavarmi i denti prima.

Buona notte.

Annunci

Se la risposta è amore, la domanda qual’è?

Teneteveli per voi i regali costosi e le cene romantiche…Tenetevi gli anelli di pandora, i bracciali di tiffany e le soprese su richiesta con ricevuta di ritorno. Tenetevi le litigate di gelosia, le chat chilometriche, le canzoni d’amore di Ramazzotti e il week end alla spa! 

Teneteveli voi i cliché romantici…. Che io continuo a cercare l’Amore, e non quella roba lí.

Ma che cazzo ho scritto? (disordine ortografico, disordine nella testa)

Mettiamo paura e coraggio sullo stesso piano,
da che parte pende la bilancia?
e se rimane immobile?
cosa vince alla fine?

La paura guidata dalla paura,
di ritrovarsi con il culo per terra e di non trovare la forza per leccarsi di nuovo le ferite.
La paura di buttarsi,

“Ma buttati, che la caduta sarà morbida!”

Il coraggio spronato dall’impulsività,
l’irrazionalità e l’infantilità di rischiare sempre tutto.
La voglia di fare tutto ad ogni costo.

La via di mezzo tra paura e coraggio,
la speranza.

L’attesa della speranza,
sperando che la prima mossa non spetti a me.

Ma spero davvero che tutti i miei film mentali diventino realtà, quando la vita non è un film?
Sono come sono perchè ho deciso di esserlo, e allora perchè mi lascio andare alla debolezza di volere ciò che non fa per me?

Forse è proprio questo il punto, devo ricordarmi ogni volta che ho combattuto per anni per essere così e convincermi che sono felice di essere così.

Avrei potuto essere fidanzata con migliaia di persone diverse, vivere una storia normale, con il messaggio sul cellulare la mattina e la cena prenotata per ogni sabato sera. Ma non ho voluto, sono scappata dalla normalità imposta dai clichè romantici.

Forse è il caso di tentare, di farsi coraggio proprio perchè se è così, è giusto che sia così.

Insomma, non state capendo un cazzo di quello che sto scrivendo.

Ce l’ho qua in testa il pensiero giusto, sto cercando di elaborarlo, lo sento…
ma non lo tiro fuori nel modo giusto.

Infondo, se fosse così facile non avrei vomitato giù così tante parole senza senso, probabilmente non starei nemmeno scrivendo tutto questo.

Che poi sto scrivendo per me stessa, scompongo i pensieri….

Chissà se riuscirò mai a ricomporli in tempo.

Quand’è che sarà troppo tardi ormai? E’ già troppo tardi? Ho perso il treno? O non è neanche passato?

Insomma, sta bilancia da che parte pende? Sta vincendo davvero quella maledetta stronza, chiamata speranza?
Speranza e qualche fantasma.

Ma se io non credo neanche nei fantasmi…..

Nessuno vale quanto te – Ghemon

Studiare sul letto e addormentarsi………..

Sognare di essere su una nave, e prendere un caffè con Belinelli.

Litigare con la mamma e buttarmi nella piscina di coccodrilli, uscire di lí con il piede rotto e ingessato.

Cercare di camminare e incontrare mio Papà che faceva shopping, con in mano una camicia rossa e un basco blu nuovo.

Prendersi per mano e addormentarsi sul pavimento insieme………

Moonlight drive – The Doors

Volerci essere, ma allo stesso tempo essere altrove.

Voler ricominciare, ma sentire il desiderio di rimanere aggrappata a quello che è stato.

Voler raccontare tutto, ma tenersi tutto dentro perchè è troppo bello per essere descritto a parole.

Volerci provare, ma non fare niente.

Voler sapere già come andrà, ma l’idea fa venire il nervoso.

Volere, potere, dovere……

Non c’è quel bisogno di scappare, è piú un desiderio di rimettersi a posto ma con il timore di non trovarsi piú bene o di non farcela o di rimanere indietro o di perdersi!

Perdersi per poi ritrovarsi,

non so ancora dove mi ritroveró,

magari mi troveró bene.

Esseri Lontani (notte 17 agosto – Alassio)

Nella mia vita il voglio purtroppo non è di casa…Potrei, vorrei, ma la realtà è più dura di tutto quello che mi circonda.

Forse è un bene,

avendo la possibilità di viziarsi a volte ci si dimentica del valore reale di tutto.
Non vorrei altra vita che la mia è il mio slogan, e ne sono convinta.

Certi momenti sono duri, molto difficili e maledico la mia situazione.

Vorrei avere la facilità di alcuni nel potersi permettere tutti i capricci del mondo.

Ma non vorrei altra vita che la mia proprio perchè la vivo al massimo anche privandomi di ció che alla fine, se ci pensi, è superfluo.

Mi piacerebbe tanto che gli altri provassero anche solo per un giorno cosa significa, magari capirebbero, magari si dispererebbero.

Magari vivrebbero al massimo.

Onde infrante (notte 15 agosto – Cullera)

Oggi il sonno non arriva, eppure mi sento stanca morta.

Un mare di cose per la testa e nessuna di queste sembra essere la cosa giusta.

È possibile che abbia idee così strane da non combaciare con nessun altra?

Sono davvero le opinioni a fare le persone?

Parlo di opinioni perchè non riesco a parlare di idee, una cosa tanto stupida paragonata ad una cosa cosí importante.

La conferma di non essere l’unica ad accorgersi che c’è qualcosa che non va è arrivata, ma quanto vale una persona su mille?

Forse tanto, per me puó quasi essere abbastanza… Anche se niente è mai abbastanza.

Agli altri è insignificante,

Ma dopotutto non sono sempre io a dire che il parere degli altri non è cosí importante?

Ecco, il problema peró è capire che è cosí  perchè non siamo tutti uguali e non potremo mai avere pareri tutti uguali.

Non arriveró mai ad una conclusione, di certo non ora con il sottofondo di Smell Like Teen Spirit improvvisato sulla spiaggia da alcuni ragazzi e dal rumore delle onde che si infrangono sugli scogli.

L’unica cosa che so è che c’è sempre qualcuno che ci rimette………

Cuore di ghiaccio (12 agosto – Conil de la Frontera)

Una stella cadente ha lasciato la scia piú bella, il cuore ha fatto un sussulto.

Ma neanche una lacrima è scesa,

Neanche un sorriso è nato sulle labbra.

Impassibile e sensibile…

L’oceano alle spalle e il vento da pelle d’oca….

Ma nessun brivido.

Non si sa se si scioglierà mai quel cuore di ghiaccio.

Peró non aspetto altro, aspetto con ansia quel momento in cui finalmente sentiró una lacrima scendere….

Sentiró che il mio corpo andrà in frantumi per ricomporsi e rifarsi ancora piú  forte…

Ora non sono forte, lo so… Ne sono consapevole.

Il mio essere impassibile, insensibile… È solo una copertura per non farmi male, per non farmi toccare dagli altri e dal resto.

Un cuore di ghiaccio…..

Che si scioglierà!

In partenza (senza peli)

Dovró fare causa ai film porno… E alle porno attrici.

Insomma, siamo sinceri… Davvero agli uomini piacciono le donne completamente depilate? O pensano di apprezzare una ceretta completa solo perchè gliela propongono le squinzie dei siti vietati ai minori?

Siamo seri, pure le donne di Picasso in mezzo alle gambe avevano un buschetto da far invidia alla foresta di Sherwood…. Avete ragione, loro erano francesi. E le francesi si sa… Hanno la r moscia.

Ok va bene, devo ammetterlo. I peli sulla gigia non piacciono nemmeno a me, è soddisfacente sentirsi completamente liscia e in ordine…… Ma non sarà solo perchè sono abituata a farmi la ceretta da quando ho scoperto cosa vuol dire essere donna?

Tra poche ore parto e, invece di pensare alle ultime cose da caricare in macchina, ho appena finito di scorticarmi via la mia gibigiaba fino all’ultimo pelo per essere sicura che in due settimane la situazione rimanga tale e quale ad ora, una piana desertica. 

Insomma, metti caso che incontro l’uomo della mia vita. Un bel andaluso pronto ad aspettarmi in spiaggia con un cocktail in mano………

Ommioddio, non sono ancora partita e già mi preoccupo di portarmi a letto uno spagnolo! Tiratemi una botta in testa e… Sperate che torni dalla Spagna sana e salva.

Che il viaggio abbia inizio!!!!!