Audrey Hepburn

Ho cercato su google: dieta per aiutare la memoria.

Mi sono usciti gli amici del cervello!

Io non so piú dove l’ho lasciato, il cervello. Sarà andato in vacanza ancora prima del dovuto. Proprio ora che manca solo un esame, che tra quattro giorni diró addio alla sessione estiva. 

Ho preso 27 oggi, e volevo il 30 e lode… Eppure indossavo la mia maglietta preferita con la stampa di Audrey Hepburn. Sono senza parole, felice e amareggiata, contenta e insoddisfatta. 

Questo strano cocktail di sentimenti che mi perseguita da mesi… Audrey Hepburn in Colazione da Tiffany lo chiamerebbe -avere le paturnie, quell’improvvisa paura di non si sa che-, quei casi in cui non rimane altro che correre da Tiffany o ubriacarsi.

Bè, nello stato in cui sono ora… Sfatta e bisunta dopo tre ore di danza, andare da Tiffany non è buona cosa. Non posso darmi all’alcol……. Mi rimane solo il fumo per stasera!

Eccoli gli amici del cervello… I miei migliori amici, il migliore amico – sorrisi – cannetta e sogni d’oro.

Uscire come Audrey Hepburn e tornare come Courtney Love….. Bene, dov’é il mio Kurt Cobain?

Annunci

Un anno fa… Más Amor Por Favor

È come un puzzle incompleto, manca un pezzo e niente ha piú senso! È come il Jack senza la coca cola, il caffè senza la sigaretta, la ballerina senza il tutú….. Peró il tutú non fa la ballerina e la coca cola non fa il whiskey.

Ma a me manca comunque quel pezzo, che mi completava davvero……. 

Coniugati Passeggiare (Ogni tanto ti penso spesso) – Dente 🎶🌹❤️

Non posso dire di non averci provato.

Ci ho provato con tutta me stessa,

ho cercato davvero di tirar fuori il meglio di me per affidarlo a te, come se fosse il piú bel regalo che potessi farti.

Ho lottato contro il mio orgoglio, contro la mia razionalità ma anche contro il mio istinto.

Tutto dentro di me faceva a pugni per portarmi su un’altra strada. Ma sono sempre rimasta aggrappata a una piccola parte che non cedeva all’evidenza.

Imperterrita ti sono corsa dietro, inventandomi qualsiasi cosa pur di attirare la tua attenzione.

E tu rimanevi impassibile, neanche un minimo di considerazione in piú da parte tua… Eppure io non pretendevo la luna, solo il tuo sorriso.

Saró io che forse non ho quel meglio da offrirti, che non è abbastanza per guarire la tua solitudine.

Ho cercato in tutti i modi di capire come dovrei essere.

Fino a quando ho deciso di smetterla, come in un circolo di disintossicazione ho ripetuto a grande voce che mi stavo liberando. E lo dico a tutti, lo dico con convinzione anche a me stessa.

I fatti parlano chiaro, c’è un muro e io posso solo tirarci testate contro che tanto tu non l’abbaterai mai.

Ne sono consapevole e mi sento libera…

Cazzata! Tu ci sei ancora, lo sento nella mia parte piú profonda…. Mi convinceró ogni giorno che non è cosí, ma Ancora Tu è uno slogan indelebile.

E ti cerco nel sorriso degli altri, che non sorridono mai come Te (freddo alla pesca).

un caldo freddo

Odio con tutta me stessa questo periodo dell’anno… 

Fine di giugno, 

aspettando luglio, 

aspettando agosto, 

aspettando le vacanze.

Inizia a fare caldo, ma ci sono ancora mille cose da fare ma hai solo voglia di non fare niente e metterti al sole come una lucertola.

E io odio prendere il sole come una lucertola.

È il periodo dei ricordi, di quel saggio di danza a cui mio papà non era potuto venire… Il periodo delle speranze infrante, degli ospedali, dei sorrisi e delle lacrime.

Tutto finisce, muore…

Si aspettano solo nuovi inizi,

dopo il mare, peró.

E una cosa la so

Ci sono storie che non sono come le altre… sono talmente belle che ancora oggi pensandoci ti scaldando il cuore, indipendentemente dal finale. O magari non sono ancora finite.

Sto parlando di amore, ma anche di amicizia e famiglia.

Storie fatte di sogni, speranze,emozioni,sensazioni, energia,brividi, sorrisi, felicità, complicità…….

Sono le storie che ti fanno provare una felicità inaudita, cosí forte da essere malinconica a tratti. Ma non c’è niente di piú bello e sincero.

Eppure sono delle condanne, perchè quando vivi certe situazioni…..

….quando provi quell’energia che ti attraversa e ti cattura fino a farti venire la pelle d’oca…….

Poi é difficile accontentarsi di altre relazioni, cerchi di conoscere altre persone ma percepisci subito le sensazioni che ti trasmettono.

È una questione di pelle, di vibrazioni. Sai cosa stai cercando da una persona, e sai che quello che tenti di trovare non si puó improvvisare ma lo si puó solo provare, immediatamente. È qualcosa che si percepisce, che si vive all’istante… Un sorriso, uno sguardo, un gesto…. E il tuo cuore ha un sussulto.

Il resto mi scivola via, non c’è posto nella mia vita per qualcosa che non sia un’emozione forte, per cui valga la pena gettarmi dal burrone a capofitto. Cosí ci sono una marea di scuse riciclabili per evitare scocciature -“non ho tempo, ho gli esami, non voglio una storia seria, non voglio offenderti ma…”-. Ma sono scuse che non reggerebbero in confronto a un colpo di fulmine……

È un problema, si lo so forse no è giusto cosí boh ma,

Io non mi accontento, mai. Io credo nell’amore.

Assenza ingiustificata

Guardati…

Gli stessi comportamenti che odiavi tanto dell’altro sono gli stessi tuoi, in questo momento!

Non capisci? Ora te ne rendi conto?

Provaci! Intuisci qual’è il ragionamento (o non ragionamento) che ha spinto l’altro a comportarsi cosí….

No! Comunque sia, non puó esserci alcuna giustificazione… Non è scusabile lui!