ISIS-bomba

Vi immaginate se tutti i film mentali che vi fate fossero reali?

Bè il mio film, ieri si è trasformato in realtà… Mi sono svegliata immaginandomi come avrei voluto passare la giornata!
Bè la bomba è esplosa, e non sto scherzando!
Booom!
Tutto è cominciato per “l’allarme bomba” in università, edifici evacuati e lezione di inglese sospesa!
L’inverosimile diventa verosimile…
Non succede mai, ma se succede accadono cose!

Cose che mi hanno lasciato con tremila pensieri in testa,
ma li lascio fare…
Non cederó alla tentazione di elaborare mille paranoie.
La mia strada da prendere ce l’ho difronte.

Guardare avanti per se stessi!
Fermarsi solo per un caffè…..
O un bacio!

Passaparola

Non ho ancora ben capito se alla fine della puntata si vince un montepremi oppure no.
E vorrei saperlo!
A me sembra di essere il concorrente di uno di quei stupidi quiz televisivi che pur di non vincere, ovviamente, non sanno neanche rispondere se gli chiedono il nome.
L’unica differenza è che io la risposta non la saprei sul serio!
(Cavolo…. Ma se ci fosse un montepremi, studierei!)
Anzi, io non vorrei proprio che tutto questo diventasse un gioco.
Eppure sembra che le persone siano bravissime a prendermi per il culo…..
O sono io un bersaglio facile, probabile.
O sono semplicemente circondata da coglioni, per cui ho un potere d’attrazione fenomenale.
L’unica soluzione è riprendere la strada che avevo intrapreso…. Guardare avanti per me stessa!
Fermarsi solo per un caffè…..
O un bacio!

Stupidi babbani!

Vorrei essere intelligente per saper elaborare i miei pensieri e cercare di capire cosa mi passa per la testa.
Mi sento sempre più stupida, perchè non riesco a tenere a mente un ragionamento sensato per più di due secondi, prima di dimenticarmelo.

Quelle cose lì un attimo prima sono grandi rivelazione,
l’attimo dopo quelle cose lì sono stupidate che non ricordo neanche da dove le ho tirate fuori.

C’è bisogno di sentirsi continuamente diversi e al tempo stesso uguali agli altri per farsi accettare.

Ogni tanto mi accorgo di essermi bruciata via i neuroni… Infatti puntualmente mi ritrovo a fissare il vuoto in mezzo ad una folla di gente, chiedendomi che ci faccio lì.

Non sto capendo più nulla, non riesco a riconoscere più le persone che mi circondano.
Ma io sono la prima a non comprendere i miei stessi atteggiamenti.
Mi sembrano tutti così ipocriti, mi fanno grandi discorsi su “cambiamenti-stili di vita migliori- distinguersi dalle masse” e poi si comportano allo stesso modo di quelli che poco prima hanno condannato come “quei soliti stupidi-tutti uguali”.
Sono io la prima che rientra in questa categoria di ipocriti comunque;
mi sento talmente diversa dagli altri, cerco di esserlo ad ogni costo perchè quello che vedo in giro mi fa schifo eppure, puntualmente, cerco di farmi accettare ad ogni costo, chiedendomi perchè sono sempre sbagliata e non sono mai giusta per nessuno.

Forse la verità è che siamo tutti uguali da essere totalmente diversi gli uni dagli altri.
Ci sentiamo diversi da loro come loro si sentono diversi da noi.
Se ci rendessimo conto che la differenza che c’è tra ognuno di noi è in realtà ciò che ci rende tutti uguali, perchè proviamo le stesse identiche cose, vedremmo la nostra vita in modo diverso?

Infondo, siamo tutti dei babbani!

Go Hard or Go Home – Wiz Khalifa & Iggy Azalea

Non lo so come va,
e non so come sto.

Tutti mi chiedono sempre le stesse cose e io non so mai cosa rispondere.
E allora rispondo per convenienza, perchè infondo va tutto bene dai, abbastanza, alti e bassi, a parte che devo mettermi a dieta sto bene, devo studiare per gli esami, ho poco tempo ma incastro tutto bene, la danza non lo so magari va bene, troveró un lavoro per andare in vacanza, non lo so le audizioni magari a giugno, magari a giugno dó tre esami, l’università mi piace, sono felice a tratti e va tutto bene, magari quest’estate vado solo in vacanza, la tachicardia va e viene come sto bene, è difficile a dirsi con la danza e va bene cosí, infondo la tendinite è quasi passata e va bene, il mal di schiena va bene, dormo sette ore, dormo tre ore, sto bene, non mi operano, mi piace quel ragazzo ma non so se va bene, fumo poche canne e va bene, fumo troppe sigarette ma sto bene, devo prendere il polase e stare bene, il cuore batte a tratti e sono tutto ok, sai che c’è che cerco di costruirmi una vita che potrebbe piacermi anche se mi sono odiata dal primo giorno che ho realizzato chi sono e continuo a chiedermi perchè chi ha deciso di farmi cosí non mi ha fatto in un altro modo ma mi ha intrappolato in un corpo che non mi sta, in una vita che non è ancora la mia vita.

Cosa faró non lo so e se non lo so io come posso raccontarlo a voi, e ho paura e nascondo tutto e vedró come andrà e non lo so e mi spaventa iniziare a far programmi e non li faccio e non te lo dico e ti dico cosa va bene e ti rispondo che sto bene.