Ma levati i pantaloni

L’ironia in amore è inutile, come il pudore.

Beccata, frase non mia… Ma Brunori è sicuramente piú bravo di me con le parole e le azzecca tutte.
Non a caso è un pezzo preso dalla canzone che preferisco…. a cui ho rubato il titolo per dare un nome al mio blog.

Ironia e ambiguità non sono ben accette comunque.
Ironia e sarcasmo.
Mi prendi per il culo, ma con pudore.
Il che è ancora peggio.
C’ho scritto scema in fronte e stai ridendo alle mie spalle
oppure
(peggio ancora)
sei talmente stupido che non hai capito niente.
Sei talmente (poco) furbo che non hai approfittato di un pornoromanzo!

Valsoia

Dalle proprie ceneri una fenice, poco alla volta, rinasce…dopo un gran faló!
Dopo esserti perso devi sbattere la testa molto forte contro un muro prima di, ritrovarti…!
Inciampi, cadi e ti rialzi mille volte prima di sentire quella forza dentro che ti aiuta a reagire.
Ti spogli allora di tutta le negatività, scacci i pensieri tristi e prendi una decisione.
Capisci che non ha senso perdere la testa dietro a qualcuno che ti ha dimenticato per strada, senza mai voltarsi indietro a vedere se gli stavi ancora accanto.
Apri gli occhi, inizi ad allontanarti da situazioni scomode e ci provi, decidi cosí di voler ritrovare il tuo sorriso. Ritrovi una familiarità e una complicità dimenticata con le persone che ti hanno voluto veramente bene ma che avevi perso di vista.
Ti riempi di amore, risucchi la forza regalata dalle persone che ti circondano e che in coro ti hanno urlato per mesi di accorgerti di quanto tengono a te.
E alla fine, gattonando e raccogliendo i pezzi uno a uno ricomponi il tuo essere… Fino a impadronirti di nuovo del tuo umore, del tuo cuore e delle tue passioni.

Buon (fine) Natale

Quando il Natale viene e va porta con se un misto tra gioia e malinconia!
L’unico segreto per sopravvivere è quello di circondarsi degli affetti sinceri, dimenticarsi degli auguri di circostanza e delle belle facce… Sorridere, emozionarsi per il sorriso della propria mamma, ridere con gli amici, spogliarsi di tutta la negatività e tenere alla larga i musi lunghi!
Dopo due giorni senza dormire e chiudere occhio… Buon (fine) Natale!

Noi tre e Buon Natale

Neanche in un film di Boldi e compagnia bella si passa la notte di Natale al pronto soccorso… Eppure!
Eccoci qui, noi tre sempre insieme.
Ce la racconteremo come una barzelletta tra qualche anno e rideremo come matti.
E poi è cosí, ogni momento che viviamo insieme passa agli annali!
Sicuramente dopo questa il Natale 2014 non ce lo scorderemo mai.
La cosa bella è che dopotutto siamo qui che tiriamo avanti tra sorrisi e battute.
Tra poco è ora del caffè e delle briosche, saluteremo l’alba sorridendo e saremo insieme.
Io e i miei amici.
Buon Natale.

Vigilia di Natale

Fa freddo,
il gelo si fa sempre piú soffocante e la testa è compressa sottovuoto.
Non è bastato il vino a riscaldare la tavola quando il panettone è stato rimpiazzato da una serie di parole vomitate sul piatto.
Senza accorgersi si finisce per superare il limite e diventa piú facile sputare in faccia agli altri, dimenticandosi di tutto il resto.
È semplice rinfacciare tutto ció che passa per la testa senza preoccupazioni.
È stato ancora piú facile uscire da quella porta senza che nessuno ti corresse a dietro o che aspettasse il tuo ritorno.
Dopo tutto ho 22 anni e non combino un cazzo, è piú facile dire che non valgo niente!
Sono zero e Buon Natale a voi.

Non è tutto qui.

Cerchi di urlare e la voce si rompe, si ammutolisce ancora prima di uscire.
Cerchi di correre e non riesci a muoverti, come se qualcosa ti trattenesse.
È come essere avvolta nella nebbia piú fitta, come essere in gabbia.
Accade sempre nei sogni piú brutti, forse i peggiori perchè non succede proprio niente.
Ecco, incapace e in silenzio cerco di raggiungere qualcosa o qualcuno ma non mi muovo.
Qualcosa mi trattiene,
è come se qualcuno avesse fatto costruire un muro per tenermi lontana.
Cosí io scaglio parole al vuoto che nessuno sente, corro senza muovermi.
Mi abituo all’idea di essere un’estranea.
Mi devo abituare,
o forse non mi abitueró mai.
Si entra e si esce, senza avere scelta.
Ma prima o poi qualcosa accade,
prima o poi qualcosa riusciró a farla!

Ladro.

Chi non fuma in compagnia è un ladro o una spia.
Sí, ma chi fuma nella compagnia sbagliata?
O meglio, mi correggo per essere piú specifica per il mio caso.
Chi fuma in compagnia di qualcuno sbagliato?
Insomma, questo è quello che devo cercare di capire!
Puoi fare qualcosa, riuscire ad esprimerti con alcuni in modo grandioso. O
Oppure aver esperienza di quella cosa e trovarla una situazione fuori luogo o che tira fuori il peggio del malcapitato.
Mi spiace deludervi precisando che non sto parlando di sesso, purtroppo, anche se quanto detto sopra potrebbe essere associato bene… al sesso.
Invece sto parlando di rapporti umani, quelli di amicizia di amore o di un misto di legami – che riprendendo prima ovviamente alcuni porteranno comunque al sesso – e che si presentano a noi in modi diversi. Per questi legami noi ci poniamo naturalmente in modi diversi per contesti diversi.
È che sta a noi notare che stiamo bene in un determinato contesto e accorgersi che a creare quella situazione è l’avere accanto persone capaci di far star bene.
Perchè questo inevitabilmente cambia quando stiamo con persone con cui tiriamo fuori i nostri difetti.
In sostanza se tu ti smocchi una cosetta che ti fa stare benissimo ed è una cosa constatata è impensabile che ti faccia provare disagio per la compagnia delle persone che hai accanto. E invece la cosa da non scordarsi è proprio il fatto che lo smocco ti fa star bene solo quando sono le persone ad essere quelle giuste.

-ovviamente anche questa ultima parentesi potrebbe sembrare in riferimento al sesso, ma è da precisare che lo sarebbe solo in determinati legami –

Sbarluccichii.

Continuo a chiedermi dove ho sbagliato…
Tirando me scema e qualche testata contro il muro!
Cos’avrei potuto fare, come avrei dovuto comportarmi!
Perchè le cose non sono andate come speravo,
come spero.
È difficile lasciare andare quel pensiero.
Lo tengo al sicuro da tempo.
E chissà cosa mi passava per la testa quando mi sono brillati gli occhi e mi sono illuminata vedendoti!

Vai a lavarti i denti.

Oggi è uno di quei giorni in cui cambierei tutto!
Stravolgerei completamente la mia vita,
Cancellerei ricordi spiacevoli,
Polverizzerei tutti gli scheletri che mi porto appresso.
Rivoluzionerei le mie idee e le mie abitudini.
Partirei per un posto lontano, alla ricerca di volti nuovi e diversi.
Andrei a caccia di emozioni e
Mi spoglierei di ogni pregiudizio.
Farei il bagno in acqua ghiacciata per congelare il mio cuore, che aspetta ancora te.
E lo riscalderei con l’abbraccio di qualcuno che non vorrebbe mai lasciarmi.
Scaccerei via la paura della solitudine per sempre.
Solo per trovare un posto dove non proverei questo senso di disagio che mi comprime sottovuoto.

Eppure,
oggi è già tanto che ho tolto il pigiama e mi sono vestita.